promoter abbigliamento

Promoter

Spesso pubblico annunci di lavoro in cui ricerco personale promoter di vario genere e ricevo curriculum di qualsiasi natura, come se per svolgere una promozione bastasse essere simpatici.
Ma la promoter non è solo una persona che simpaticamente ti propone un prodotto o che ti invita ad assaggiarne una piccola degustazione.
La Promoter è la parte conclusiva di un percorso che ha come obiettivo la promozione di un prodotto/servizio o di un intero brand ed è una figura fondamentale. Inserire una persona non adatta alla tipologia di prodotto o di servizio che si vuole promuovere può essere disastroso.

Le skills del promoter

Ma allora quali skills bisogna avere per poter essere una buona promotrice?

Sicuramente bisogna essere ben predisposti al contatto con il pubblico, perchè questo lavoro ti porterà sempre ad interfacciarti con un’infinità di persone differenti e non sarà sempre facile. E’ per questo che è importante che la promotrice sia anche molto paziente e sorridente, che sia gentile e coinvolgente e che sappia stare allo scherzo ma che non sia permalosa.
A tutto questo bisogna aggiungere una buona autostima! Eh si, perchè passare la giornata su un punto vendita è stancantee solo persone sicure di se riescono a reggere il ritmo. Essere una promotrice è tutto questo e molto altro!
Quindi sii sempre consapevole di essere una figura fondamentale, che può essere definita come l’estensione dell’azienda che rappresenti.

Prova a pensarci, secondo te quali requisiti deve avere una buona promotrice ?

Ti è piaciuto l’articolo? Condividilo sui social!

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on google

Leggi anche..

secondo lockdown

Secondo Lockdown

Secondo lockdown E’ evidente per tutti, il primo lockdown ci ha colpiti senza distinzioni, dalle azienda ai privati e tutti in un modo o nell’altro abbiamo avuto delle conseguenze, perdendo

Leggi l'articolo completo
lavorare-in-team

Teamwork

Il teamwork è decisamente differente rispetto al lavoro autonomo. Infatti, quando si lavora in modo indipendente sentirsi esclusi è un attimo, basta anche solo alzarsi con il piede sbagliato per

Leggi l'articolo completo